Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for Maggio 2008

…TU LA CONOSCI CLAUDIA? con ALDO, GIOVANNI E GAICOMO con la regia di Massimo Venier.

Strepitoso, esilarante, comico e finalmente un film che racconta anche di uomini di tutti i giorni, e non solo sempre di uomini affascinanti lontani mille miglia. Servono anche quelli, ma ho trovato questo film particolarmente leggero ma delicato, che parla appunto di uomini un pò “carciofini”. Dei i tre comici io adoro Aldo sempre così fulminato, che vive alla giornata e quelle sue espressioni mi fanno impazzire… dal ridere. La trama racconta di Claudia, il centro di una complicata girandola sentimentale: suo marito Giovanni è un uomo abitudinario e ripetitivo (come tanti di nostra conoscenza) che si considera miracolato per essere sposato a lei; Giacomo invece è un uomo separato, soddisfatto della propria vita (così sembrerebbe), che quando conosce Claudia capisce di non avere nulla; Aldo invece è un tassista perennemente innamorato di qualcuna, ma che da qualche mese vive solo per Claudia, che di lui non vuole assolutamente saperne… ma che poi si scoprirà non essere la Claudia legata a Giovanni o Giacomo. Da qui una serie di storie ridicole che fanno ridere e che faranno comunque nascere un’amicizia fra i tre uomini così lontani apparentemente ma poi così vicini. Il finale un pò amaro, non scontato, vedrà la rinascita, comunque simile alla crisi, fra Claudia e il marito Giovanni; invece in Giacomo nascerà la speranza di ricucire il rapporto con la ex moglie dopo un’incontro al mare, ma che purtroppo lo lascerà ancora con l’amaro in bocca e la sua solitudine da single ma con un amico in più: Aldo che invece riuscirà a riconquistare la sua Claudia… Tra le gag più esilaranti, quelle frutto dello scontrarsi continuo dei tre caratteri diversi, il film funziona.

Nei vari film del trio comico, ci sono sempre scene in cui gli amici si ritrovano attorno a una tavola oppure si godono un buon bicchiere di vino… In questo film, Giovanni cucinerà un buon arrosto per cercare di riconquistare sua moglie apparecchiando una bella tavola per una cena a due. Esilarante la scena dove Aldo si gusta un panino con il salame di cinghiale in riva al mare… Se anche voi volete passare un bella serata con chi vi ama, posso consigliarvi una tenerissima FESA DI VITELLO AL LATTE.

Read Full Post »

La Fondue Bourguignonne è una specialità della regione transalpina della Borgogna ma si associa anche alla tradizione svizzera. Ideale per serate tra amici, la sua preparazione non richiede difficoltà, l’unica particolarità è nel preparare bene la tavola usando attrezzi specifici. Il set necessario per una buona BOURGUIGNONNE è formato da un fornellino con una pezzuola di cotone inumidita con alcol che produce una fiammella senza risultare pericolosa posta sotto ad una pentole che verrà riempita di olio. Oltre al pentolino sono utili ed indispensabili le forchettine dal lungo manico per non scottarsi. Le varie salsine e sottaceti saranno posti nelle ciotoline che solitamente sono vicine al pentolino di olio. A tavola si apparecchia con al centro il set per la BOURGUIGNONNE appunto, in modo che sia accessibile a tutti; se i vostri ospiti sono tanti, procuratevi 2 o più set per la BOURGUIGNONNE.
La carne, tagliata a pezzetti regolari, sarà di filetto di manzo o, meglio, di vitellone, privato di ogni parte grassa. Calcolate circa 200 grammi a persona: dovrà riposare prima di cuocerla almeno un paio di ore fuori dal frigorifero.

bourghignonne-1

Per quanto riguarda le salse sono fondamentali quella tartara, la bernese, la cocktail e la Bourguignonne; io metto sempre anche della buona maionese e del ketchup se ci sono dei bimbi.

bourghignonne-2

Quindici minuti prima di andare a tavola ponete l’olio nel pentolino e scaldatelo sul gas, avendo cura di mettervi una mezza patata sbucciata, che ha il compito di impedire all’olio di diventare scuro.Se durante il pranzo un pezzo di carne dovesse cadere nell’olio, rimuovetelo, altrimenti si brucerebbe rovinando tutto l’olio. Se necessario, cambiante anche la mezza patata.

Read Full Post »

Ingredienti per quattro persone:

1 ananas da 1 chilo circa,

3 dl di panna,

1 dl di latte,

250 grammi di zucchero.

Preparazione:

levare la buccia e pulire l’ananas, eliminando la costa centrale legnosa. Ridurla a cubetti e frullarla con l’aiuto del frullatore. Scaldare la panna a fiamma bassa, aggiungere il latte e mescolare fino all’inizio dell’ebollizione, poi spegnere. Versare lo zucchero, mescolare molto bene e lasciarlo intiepidire. Unire poi il passato di ananas e mescolare per ottenere un impasto omogeneo. Passarlo nella gelatiera, seguendo le istruzione della macchina. Servire il gelato con fettine sottile del frutto tagliate a metà.

Read Full Post »

Un “dolcepensiero” gli ingredienti per ottenere gustosissimi piatti messicani, che adoro in modo particolare, sono piuttosto facili da trovare; ormai in quasi tutti i supermercati è presente un’area dedicata ai cibi etnici. Ed ecco tre semplici e buonissime ricette che ripropongo molte volte al mio “dolcepensiero” Marco.


TACOS CON POLLO

Si possono preparare con carne di pollo, ma le tacos sono ottime anche con carne di manzo e si può aggiungere anche del mais dolce.

INGREDIENTI

450 grammi di pollo (preferibilmente petto di pollo)

1 cipolla media tritata

1 spicchio di aglio

1 cucchiaio di peperoncino (a discrezione del vostro palato!!)

1 cucchiaio scarso di sale

2 pomodori tagliati

foglie di lattuga

1 tazza di formaggio caciotta tagliata a strisce

salsa chili q.b.

3 peperoncini verdi dolci

12 tacos.

PREPARAZIONE

Mettere l’aglio e la cipolla tritata finemente in una pentola con l’olio, aggiungere la carne tagliata a striscioline fino a quando diventa bianca. Insaporire con il sale e il peperoncino gradatamente assaggiando di tanto in tanto (in modo che otteniate il grado di piccantezza che desiderate), aggiungete un pò di acqua tiepida se la carne risulta troppo asciutta e poi mettete la salsa chili. Scaldate le tacos al forno grill in modo che quando le riempirete, non diventeranno molli; riempitele con la carne, il pomodoro, il formaggio, il peperoncino verde tagliato sottile e la lattuga.

FAGIOLI PICCANTI

INGREDIENTI

1 cipolla

1 carota

2 pomodori tagliati

mezzo bicchiere di vino bianco

prezzemolo

sale e pepe

peperoncino

salsa chili

1 peperoncino verde dolce

PREPARAZIONE

Soffriggere la cipolla con la carota tritate finemente, aggiungere i pomodori tagliati a cubetti e far rosolare il tutto. Aggiungere del vino bianco e far evaporare per circa 5 minuti. Aggiungere i fagioli, farli tostare, dopo di che aggiungere dell’acqua tiepida se troppo asciugati. Spolverare con prezzemolo tritato finemente, salare e pepare. Dopo 10 minuti mescolando di tanto in tanto, aggiungere la salsa chili e il peperoncino a seconda del vostro gusto di piccantezza. Infine aggiungere il peperoncino tagliato finemente.

NACHOS OLE’

Sempre più locali le offrono come stuzzichino al posto delle classiche patatine, solitamente accompagnate da gustose salse piccanti, io le preparo sempre come antipasto…

INGREDIENTI

1 confezione di nachos chips messicani (possibilmente quelle triangolari)

3 peperoncini verdi

1 caciotta dolce

3 pomodori rossi

peperoncino piccante.

PREPARAZIONE

Accendete il forno e portatelo a 200°. Utilizzando un piatto o una terrina che potrete infornare, stendete uno strato di nachos chips, non esagerate altrimenti quelle sul fondo non si condiranno.
Copritele con il formaggio tagliato a striscioline, i peperoncini tagliati a stiletti e i pomodori tagliati a cubetti. Spolverizzare con pochissimo peperoncino. Infornate e attendete fin quando il formaggio non si sarà fuso e servitele calde. Buon appetito!

Ristoranti messicani:

http://www.cactusjuicecafe.com/ a Como e a Civate (Lecco)

http://www.papos.it/ Montano Lucino (Como).

Read Full Post »

omelette-verdure

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

4 uova

grana grattugiato q.b.

sale e pepe q.b.

aceto balsamico q.b.

qualche spicchio  d’aglio

500 grammi di spinaci

olio extravergine d’oliva q.b.

PREPARAZIONE

Sbattere un uovo alla volta, aggiungere un pò di grana grattugiato, sale e pepe con un cucchiaio di aceto balsamico e farli cuocere separatamente formando rispettivamente quattro frittatine in una pentola antiaderente non molto grande. Far cuocere gli spinaci in acqua bollente salata, appena appassiti, scolarli e farli raffreddare, privarli dell’acqua in eccesso strizzandoli fra le mani e poi cucinarli con olio e aglio, aggiustare di sale e pepe. Riempire le omelette e ripiegarle in due a portafoglio. Gli spinaci rimasti serviranno di contorno spolverizzati con grana grattugiato.

omelette-verdure-5

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: