Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for Maggio 2009

gelato di fragole

INGREDIENTI

150 grammi di zucchero

150 grammi di lattte

100 ml di panna fresca

200 grammi di fragole sane e mature

1 uovo.

PREPARAZIONE

gelato di fragol2

Sbattere uova e zucchero, unire le fragole tagliate a pezzettini e gli altri ingredienti, mescolare e versare il composto nel cestello della gelatiera. Azionare fino a quando il gelato diviene solido, metterlo nel frezzer.

gelato di fragol3

… sempre con le fragole: CONFETTURA DI FRAGOLE E ACETO BALSAMICO

… gelati alla frutta: GELATO AL KIWI

gelato di fragol4

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero” del tutto naturale: sono poche le accortezze da prendere per scendere nell’orto e raccogliere ciò che la natura ti ragala; prendere il cestino, sentire la leggerezza nell’aria respirata a pieni polmoni e lasciare che i sensi ci guidano… Dirigersi verso il proprio orto, piccolo o grande che sia, per raccogliere soprattutto come non mai quest’anno, chili e chili di questi frutti colorati di rosso zuccherini e ben polposi simboleggianti l’estate, è una vera soddisfazione. E grazie a questo frutto che partono ispirazioni diverse da osare in cucina… la natura dà tante possibilità quali quelle di vedere, sentire, respirare ma soprattutto toccare e gustare questi regali che rendono più dolce la nostra tavola, il nostro piatto e il nostro palato.

confettura di fragole

INGREDIENTI PER 2 VASETTI MEDI

500 grammi di fragole

350 grammi di zucchero

5 cl di aceto balsamico

PREPARAZIONE

confettura di fragole2

Lavare le fragole, privarle del picciolo e sgocciolarle. Metterle in un recipiente con lo zucchero e l’aceto, mescolare bene, coprire e lasciare macerare per circa 8-10 ore.

confettura di fragole3

Quindi versate il composto in un tegame, portate a bollore e fate cuocere per circa un quarto d’ora mescolando e schiumando regolarmente. La confettura sarà pronta quando velerà il cucchiaio. Sterilizzate i vasetti in acqua bollente, riempiteli e lasciateli raffreddare. Quindi coprirli con uno strato di pellicola per alimenti. Conservate la confettura al riparo dalla luce.

confettura di fragole4

e prima ancora : FRAGOLE PROFUMATE DI TE’ ALLA MENTA CON GELATO DI PANNA.

confettura di fragole5

QUESTA RICETTA LA TROVATE ANCHE QUI:

Read Full Post »

FRAGOLE

INGREDIENTI

500 grammi di fragole

foglie di menta

tè alla menta

zucchero q.b.

gelato alla panna.

PREPARAZIONE

FRAGOLE2

Lavare le fragole in acqua fredda. Asciugarle con delicatezza e tagliarle in quattro parti. Lavare e tamponare le foglie di menta. Preparare il tè alla menta, lasciarlo raffreddare e addolcirlo a vostro piacere; mettetelo nel frigo dopo che si è raffreddato.  Con una fragola tagliata a metà, inumidire il bordo delle coppe che passerete nello zucchero. Versate un pò di tè nelle coppe, distribuitevi le fragole, unitevi due palline di gelato alla panna per ogni coppa. Sminuzzare finemente le foglie di menta che unirete alle vostre coppe, bagnare con un pò di tè ancora. Finire le coppe con una fragola infilata nel bordo delle coppe e qualche rametto di menta.

FRAGOLE3

e per tanti altre coppe FRAGOLOSE, ecco un esempio:

FRAPPE’ ALLE FRAGOLE

FRAGOLE AL DOLCETTO

ed infine CESTINI CON CREMA DI RICOTTA

FRAGOLE4

Read Full Post »

cestini con crema di ricotta

Un “dolcepensiero” goloso… come questi particolari contenitori, deliziose nel ripieno di ricotta e nel guscio croccante, tutte da mangiare. Coppette dolci con una salsina densa alle fragole, sono un dolce fresco per queste serate caldissime.

INGREDIENTI PER SEI PERSONE

500 grammi di fragole

400 grammi di ricotta cremosa

50 grammi di farina

150 grammi di zucchero semolato

50 grammi di burro

2 cucchiai di miele di acacia

50 grammi di zucchero a velo.

PREPARAZIONE

cestini con crema di ricotta2

Sciogliere il burro in un pentolino con 50 grammi di zucchero semolato e il miele. Levate la casseruola dal fuoco, unire la farina, mescolate e lasciate raffreddare il composto, dopodichè dividerlo in sei palline della grandezza di una ciliegia. Rivestire una pirofila con carta oleata, disporre due palline d’impasto e cuocere in forno caldo a 180° per 7-8 minuti (senza schiacciarle, perchè il composto si allarga da solo). Lasciare intiepidire le cialde ottenute, staccatele dalla carta da forno e disponetele immediatamente sul fondo di due bicchieri rovesciati. Quindi far raffreddare e staccare con delicatezza i cestini cosi ottenuti. Ripetere l’operazione con l’impasto rimasto in modo da ottenere sei cestini.

cestini con crema di ricotta3

Cuocere metà delle fragole per circa dieci minuti con lo zucchero semolato rimasto, frullare con un mixer a immersione e lasciatele raffreddare.

cestini con crema di ricotta4

Montate la ricotta con lo zucchero a velo, versare la salsa di fragole e mescolare poco, in modo da ottenere una crema variegata.

cestini con crema di ricotta5

Trasferitela nei cestini solo al momento di servire e completare con le fragole rimaste.

cestini con crema di ricotta6

e per gustare un pranzo o una cena del tutto “fragolosa”, ottimo sarebbe gustarsi prima un RISOTTO ALLE FRAGOLE.

cestini con crema di ricotta7

ricetta da SALE & PEPE mese di maggio 2009

Read Full Post »

MI TROVI ANCHE QUI NELLA SEZIONE CUCINA DEDICATA AI FOODBLOGGER:

Un “Dolcepensiero” un pò pesante: 6 CHILI e ripeto 6 CHILI, sono il frutto del mio orticello ormai invaso dalle fregole. Non stò affatto scherzando: ieri pomeriggio ho raccolto l’ennesimo cestino di fragole per arrivare ad un totale di 6 chili raccolte in varie serate da circa una settimana o poco più. Distribuite a  tutta la tribù, una parte l’ho finalmente usata per fare un piatto a me “troppo tabù”. E non sò il perchè?! Infatti nei vari ristoranti dove ho potuto gustare svariati piatti, c’è chi lo proponeva magari con leggere variazioni sul tema quali l’aggiunta di petali di rosa non trattati o asparagi verdi. Per me che non avevo mai assaggiato tale risotto ne tanto meno cucinato, davanti a tanti e grossi frutti, finalmente in me è scattata qualla molla che mi teneva un pò a distanza da questa pietanza e mi chiedevo: sarà dolciastro? rimarrà un gusto nauseabondo in bocca? e tanti altri dilemmi ormai tutti sepolti perchè questo risottino semplice e senza alcuna variante è piaciuto molto sia a me sia al mio Marco… tanto che credo lo rifarò proponendolo sicuramente con le varianti sul tema. Ora vi racconto la mia ricettina sperando di farvi cosa gradita. A presto e… GIORNI FRAGOLOSI PER TUTTI!!!

risotto alle fragole

INGREDIENTI PER DUE PERSONE

160 grammi di riso

1 litro di brodo vegetale

1 bicchiere di vino bianco secco

1 cipolla bianca piccola

100 grammi di fragole + un paio per finire il piatto

parmigiano grattugiato

olio extravergine d’oliva.

PREPARAZIONE

risotto alle fragole2

In una pentola far bollire acqua non salata con l’aggiunta di verdure o in sostituzione un dado vegetale per il brodo; mentre in un’altra casseruola far imbiondire nell’olio la cipolla tritata finemente, aggiungere il riso mescolando fino a quando i chicchi diventano trasparenti. Sfumare il riso con il vino bianco, far evaporare e incominciare la cottura del riso per circa venti minuti unendo sempre mestoli di brodo. Intanto pulire le fragole, mondarle e frullarle per ottenere una purea. Dopo circa un quartod’ora di cottura del riso, aggiungere la purea di fragole, far cuocere a fuoco dolce per gli ultimi minuti, spegnere il fuoco e mantecare con del parmigiano reggiano senza esagerare. Portare in tavola il riso con qualche pezzetto di fragola fresca e buon appetito.

risotto alle fragole3

…per GIORNI FRAGOLOSI: FRAPPE’ ALLE FRAGOLE

risotto alle fragole4

HOME

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero” per il tanto caldo: pochissimo tempo… è quanto ci vuole per preparare questo delizioso frappè, fresco e semplicissimo con rigorose fragole biologiche. E si, tutte le fragole che vedrete in questi post, arrivano dal mio piccolo ma tanto fruttuoso orticello; ed ecco come combinare voglia di dolcezza, minuti contati e prodotti freschi per ottenere il giusto risultato per rinfrescare quest’inizio di estate veramente “HOT” !!!

frappe alle fragole

INGREDIENTI PER DUE FRAPPE’ GIGANTI

160 grammi di fragole + 2 fragole intere (per decorazione)

8 palline di gelato alla panna

latte q.b.

qualche goccia di essenza di vaniglia

qualche ramento di menta

zucchero a velo.

PREPARAZIONE

frappe alle fragole2

Lavare e mondare le fragole, tagliarle a pezzetti. Frullarle per 2-3 minuti quindi unire il gelato, frullando ancora per qualche minuto. Aggiungere del latte se troppo denso, unire qualche goccia di essenza alla vaniglia. Versare il frappè in bicchieri alti, decorati con una fragola intera grossa e soda, spolverare con dello zucchero a velo e finire con qualche foglia di menta.

frappe alle fragole3

… per giorni fragolosi…: FRAGOLE AL DOLCETTO

                                                  TIRAMISU’ AI FRUTTI ROSSI

                                                  FRAGOLE AL CIOCCOLATO CON GELATO AL TORRONCINO

HOME

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero” datato: questo “fine pasto” mi ricorda tantissimo la mia famiglia. Mio padre ha sempre coltivato un suo orto, dove non mancavo mai le fragole… aspettando le mie che coltivo nel mio piccolissimo orto, mi sono accontentata delle prime che si trovano sui banchi vendita. La primavera ormai è arrivata con i primi pomeriggi tiepidi e anche nei negozi iniziano a presentarsi i primi prodotti primaverili. Le fragole erano sempre presenti durante l’estate e questa ricettina semplice semplice, regala la possibilità di gustare questi frutti buonissimi aromatizzati da un buon vino rosso che ne esalta il loro profumo.

fragole-al-dolcetto1

INGREDIENTI PER 4 COPPE circa

500 grammi di fragole

1/2 litro di DOLCETTO di DOGLIANI 2007

zucchero q.b.

qualche goccia di limone.

PREPARAZIONE

fragole-al-dolcetto11

Lavare molto bene con acqua fredda le fragole fresche e fredde da frigo, mondarle e tagliarle a dadini. In una ciotola versare il vino rosso leggermente fresco (ma non da frigo, potete tenerlo per mezz’oretta sul davanzale della finestra in ombra), qualche cucchiaio di zucchero bianco, il succo di limone e mischiare bene il tutto. Preparare i balloon inumidendo i bordi con del limone e passarli poi nello zucchero, versaci poi le fragole con il vino e dare un’ultima spolverata di zucchero. Servire ben freschi.

fragole-al-dolcetto2

HOME

Read Full Post »

tagliatelle panna e porcini (1)

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

500 grammi di funghi porcini secchi

500 grammi di tagliatelle

200 grammi di carne trita

200 ml di panna

uno spicchio d’aglio

olio extravergine d’oliva

sale

pepe

PREPARAZIONE

tagliatelle panna e porcini (3)+

Lavare i porcini secchi, strizzarli leggermente; in una padella soffriggere con un filo di olio e uno spicchio di aglio la carne trita. Dopo circa cinque minuti, aggiungere i porcini, far cuocere a fuoco dolcissimo regolando di sale e pepe. A bagnomaria scaldare la panna con con una leggera spolverata di pepe. Cuocere le tagliatelle in abbondandte acqua salata, scolarle e con l’aiuto di un coppapasta, formare per ogni piatto un nido. Cospargere con il sugo di funghi e carne, terminare con la panna calda. Aggiustare di pepe e servire subito.

tagliatelle panna e porcini (8)+

Read Full Post »

tiramisu (45)+

INGREDIENTI

per circa sei ciotole singole

una ventina di biscotti savoiardi

250 grammi di mascarpone

2 uova

1 bicchiere di zucchero

caffè ristretto

cacao amaro

sale

cognac

tiramisu (56)+

 PREPARAZIONE

Prendere le uova: separare i tuorli dagli albumi che dovranno essere montati a neve con un pizzico di sale. Lavorare i tuorli con lo zucchero fino ad ottenere un composto bello spumoso. Aggiungere il mascarpone, mischiare il tutto aggiungendo gli albumi a neve. Spezzare i biscotti savoiardi in due, inzupparli leggermente nel caffè allungato con un cucchiaio di cognac: prendere le ciotole per la composizione singola dei tiramisù e iniziare con uno strato di biscotti, versare un paio di cucchiai di crema per ogni ciotola, spolverizzare con cacao amaro e continuare con un altro strato di savoiardi e mascarpone; spolverare con il cacao. Mettere i tiramisù in frigo per almeno un ora e servirli poi freschi.

tiramisu (76)+

Per altri piccoli tiramisù: TIRAMISU’ AI FRUTTI ROSSI

                                                     TIRAMISU’ NATALIZIO CON PAN BRIOCHE

tiramisu (67)+

GRAZIE A BARBARA DI RICETTE BARBARE PER I DUE GRADITISSIMI REGALI CHE IO RIGIRO A:

GIALLA TRA I FORNELLI

A TAVOLA CON MAMMA ZAN

CHE PROFUMINO

1premio bambi2premio

 

 

 

 

 

 

 

Read Full Post »

ANGELI E DEMONI film di RON HOWARD tratto dal romanzo di DAN BROWN

Girato interamente tra Roma e la Reggia di Caserta, per Ron Howard è la seconda collaborazione con Brown: nel 2006 ha infatti adattato il best seller IL CODICE DA VINCI. Di nuovo ritroviamo Robert Langdon interpretato da Tom Hanks sempre brillante professore di simbologia religiosa a Harvard. Nemico stimato della Chiesa, che non gli perdona la negazione dell’incarnazione del Verbo, Langdon accetta l’investitura della Guardia Svizzera per l’analisi di un cadavere su cui è stata marchiata col fuoco la scritta ILLUMINATI che condurrà il protagonista alla ricerca della setta realmente esistita; si scoprirà in seguito il coinvolgimento del Vaticano nell’omicidio del primo cardinale. Il film inizia con la distruzione dell’anello piscatorio del papa morto da pare del camerlengo in un rituale vecchio di secoli e affasciante in tutte le sue azioni con strumenti in oro massiccio e conservati gelosamente, il Vaticano dovrà far fronte ad una serie di omicidi di cardinali favoriti alla sucessione papale durante IL CONCLAVE. Quando Langdon apprende che manca poco all’esplosione di una bomba piazzata in Vaticano dagli Illuminati consistente nell’antimateria costruita e rubata nel CERN in Svizzera, arriva in aereo a Roma, dove si allea con Vittoria Vetra la bellissima ed enigmatica scienziata italiana complice nella fabbricazione dell’antimateria. Imbarcantosi in una caccia senza soste lundo il cammino degli illuminati attraverso una Roma cristiana e segreta attraverso cripte, catacombe, cattedrali abbandonate e anche nel cuore della tomba più riservata sulla faccia della Terra quella dei papi e santi in S.Pietro, Langdon e Vetra seguono una scia di indizi risalenti a quattrocento anni prima composti da simboli antichi che rappresentano l’unica speranza di sopravvivenza per il Vaticano per ritrovare la bomba. Grazie agli scritti di Galileo, che si crede fosse un illuminato, conservati nelle bibblioteca riservatissima del Vaticano, si riesce a risalire al primo tasselo di questa via segreta che si trova davanti agli occhi di tutti… attraverso le sculture e le costruzioni del Bernini Langdon arriva al posto dove era nascosta la bomba ma non riuscendo a evitare la morte di tre dei quattro cardinali rapiti. Nel momento del ritrovamento e sotto i sotterfugi del camerlengo, la bomba viene fatta esplodere in volo con un elicottero nel cielo sopra il vaticano eleggendo eroe il camerlendo appunto. Ma il film non finisce qua, perchè la dottoressa riesce a ritrovare il diario del suo amico e scienziato nonchè primo cadavere degli illuminati, scoprendo un filmato che incastra il camerlengo durante un litigio con il capo della guardia svizzera rivelando la sua colpevolezza che lo porta al suicidio. Il finale ci porta all’elezione del nuovo papa con ospiti d’onore Langdon e la Vetra; il nuovo papa sarà il quarto cardinale rapito e riuscito a salvarsi grazie a Langdon. Il film molto avvincente, è strutturato diversamente dal libro che riesce a portare il lettore, me compresa, in una lettura assidua e ricca di suspance lungo un percorso pieno di colpi di scena e descrizioni di luoghi sacri a noi cristiani molto cari. Il film purtroppo penso per questioni di tempo, è stato riassunto con meno particolari diverso nel finale ma comunque molto bello… da vedere!!!

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: