Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 20 maggio 2010

Un “Dolcepensiero” su ordinazione… e scusate le vaschette di alluminio usa-getta. Infatti questo dolce mi è stato commessionato da Fede che aveva una voglia di creme brulee e quindi l’ho cucinato a casa per poi portarlo via. E’ un dolce famosissimo e ricco di storia: tradotta significa crema bruciata, è un dessert formato da crema pasticcera fatta con la panna e, in superficie, una spolverata di zucchero che poi viene bruciato con la fiamma o con il grill del forno. Nata, si pensa, in Francia nel 1691 o perlomeno il ricettario in cui si lesse la prima volta, era datato così, si presume però anche un’origine inglese: addirittura in Inghilterra in un famoso college, si prepara la creme brulee imprimendo lo stemma della scuola nella parte superiore con un apposito ferro arroventato. Facile da confondersi con la crema catalana se non fosse che la catalana viene preparata sul fornello e non c’è panna ma latte intero, la creme brulee va fatta cuocere in forno a bagnomaria. La mia versione di crema catalana infatti è una versione che si può definire sbagliata: infatti io oltre al latte, avevo messo anche della panna… (perdonatemi ma la ricetta era trascritta su un foglietto e presa chissà da che parte!!! ora devo mettermi a rifarla giusta, però!). In questa versione, alla ricetta tradizionale, c’è l’aggiunta del latte di cocco per una nota esotica!!!

INGREDIENTI

250 ml di panna fresca

150 ml di latte di cocco

2 uova intere + 2 tuorli d’uovo

60 g di zucchero

zucchero di canna.

PREPARAZIONE

Sbattere le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro. Mettere sul fuoco la panna e il latte di cocco fino al primo cenno di ebollizione, poi togliere la pentola dal fornello e versare il composto spumoso di zucchero e uova sbattendo il tutto con una frusta. Sistemare in piccole cocottine o come nel mio caso, in pirottini usa e getta e metterli in una teglia, tipo quella per lasagne. Versare acqua nella teglia fino a raggiungere circa metà altezza delle cocottine. Mettere in forno caldo a 120° per circa un’ora, al termine far riposare fino a quando saranno tiepide e poi mettere le cocottine in frigo per almeno un’ora. Al momento di servirle, toglietele almeno dieci minuti prima: cospargere la superficie della creme brulee con un cucchiaino di zucchero di canna e bruciatelo al grill del forno oppure utilizzate la piccola pistola a fiamma da cucina.

… dolci sfiziosi al cucchiaio nell’archivio di Dolcipensieri:

CHANTILLY CON MERINGHE AL CACAO E FRUTTA FRESCA

CREMA COTTA AI MIRTILLI

CHANTILLY ALLA NUTELLA

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: