Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 15 novembre 2011

Un “Dolcepensiero” modenese: prima di andare a Sassuolo per la notte dei blogger, abbiamo fatto tappa a Modena per visitare la città e fermarci a mangiare per pranzo. Modena, manifestini di Pavarotti a parte ovunque, l’ho trovata fredda e un po’ deserta pur essendo arrivati nell’ora di punta e per giunta di venerdi, tantissimi giovani studenti per le tante fonti di studio che ospita la città, ma soprattutto di Modena mi hanno colpito le antiche e vecchie botteghe artigiane sparse per le vie acciotolate della città.

Nel centro della città lungo una viuzza laterale a 50 metri da Piazza Grande, il Duomo e La Ghirlandina, abbiamo scoperto una graziosa ed elegante trattoriaAntica Trattoria Cervetta“: il menu’ in prima pagina già racconta un po’ della tradizione modenese… “I tortellini sono rigorosamente in brodo, se c’è troppo caldo si fanno asciutti. Per i minori di dodici anni, accompagnati dai genitori, si fanno anche alla panna”. A proseguire nel menu’ si racconta di come sia nata e poi rimasta in vita questa bella trattoria nel centro della città: fu in origine una vecchia locanda con un’insegna raffigurante una cerva anche perchè era un ritrovo di cacciatori che si recavano nei boschi delle campagne circostanti. Questa locanda posta in via Francesco Selmi, era il passaggio di questi cacciatori che si recavano nei boschi pieni di selvaggina. Abbiamo gustato: Polentine con uova di quaglia e fonduta di formaggi, a dir poco delicati e saporiti al punto giusto, perfetti. Passatelli in brodo, cottura perfetta per niente viscidi i passatelli e brodo saporito che non ha previsto l’aggiunta di grana. Tortelli in brodo sono stati la seconda portata di Marco: anche lui ha decretato la bontà del brodo ma purtroppo i ravioli erano un filo duri. Per me e Matteo una grandissima Cotoletta “Cervetta” con rucola, pomodorini, cipolla sottile e balsamico di
Modena. Matteo si è anche gustato un buon paitto di pasta fresca al pomodoro. Il tutto deliziosamente servito dal padrone di casa perfetto, gentilissimo, di poche ma azzeccate parole, ambiente pulito, ricercato il giusto con tocchi di colore grazie ai bellissimi bicchieri colorati e tutti diversi fra loro. Un ristorante perfetto per molte tipologie di clientela: per una cena romantica a due, per un incontro di lavoro oppure fra amici…

Se capitate a Modena, fidatevi di questo ristorante: noi abbiamo pranzato molto bene con vino rosso della casa a 70 euro in tre. Oltre ai piatti tipici, non fatevi mancare la sua cotoletta. Cibo buono!!! ambiente bello!!!

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: