Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2012

Un “Dolcepensiero”… un piatto estremamente facile, un po’ glamour che ci siamo ben goduti l’altra sera in terazza con un buon e fresco bicchiere di vino bianco, la giusta sferzata per finire al meglio la giornata. Già di per sè le uova di quaglia sono carinissime a vedersi: piccole, con il guscio sottile e macchiato qua e la, piccole o grosse bolle marroncine che le rendono anche simpatiche. Mentre il contorno di pomodorini al forno è molto buono, saporiti al punto giusto, buoni anche freddi.

INGREDIENTI PER SEI PERSONE

PER LE UOVA

2 dozzine di uova di quaglia

60 grammi di burro leggermente salato

sale e pepe macinati al momento

qualche ciuffo di valerianella

PER I POMODORI

300 grammi di pomodorini ciliegia o pachino

50 grammi di grana grattugiato

40 grammi di pangrattato

olio extravergine d’oliva q.b.

sale di Cervia affumicato q.b.

qualche fogliolina di maggiarana e timo freschi

PREPARAZIONE

Preparare i pomodori: lavare i pomodorini, tagliarli a metà, disporli su una teglia rivestita con carta forno, condirli con un filo di olio evo. In una ciotolina mischiare il sale di Cervia affuminato, il grana grattugiato e il pangrattato e cospargere i pomodori. Infornarli in forno già caldo a 200°C per circa trenta minuti. A forno spento, spolverare con foglioline di timo e maggiorana e lasciare per cinque minuti ancora in forno.

Preparare le uova: ungere la padella antiaderente con la noce di burro, così pure gli stampini rotondi dal diametro di cm 4 circa. Porla sul fuoco e cuocere le uova di quaglia al tegamino fino a quando iniziano a dorare sui bordi; con delicatezza, staccarli dai piccoli coppapasta, spolverare con un pizzico di sale. Proseguire così fino ad esaurimento delle uova, mantenendole in caldo.

Impiattare con i pomodorini sul fondo del piatto, sovrapporre le uova di quaglia spolverati con pepe fresco e terminare il piatto con crostini di pane e ciuffi di valerianella.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

UOVA AL FORNO 

FRISELLE CON POMODORI E CIPOLLOTTI

FOCACCIA CON RICOTTA E POMODORINI

Con questa ricetta partecipo al contest

“I colori dell’estate” del blog “Ale’s Kitchen – rosso pomodorino”

Pubblicità

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero”: mamma mia che caldo!!! e meno male! si perchè qui in Brianza l’estate non è che dura molto… infatti l’inizio di giugno per non parlare di tutto il mese di maggio, sono stati all’insegna di pioggia, freddo e umidità che non presagivano buoni propositi per la stagione calda ed invece… eccola qui!!! Scoppiata; in tutte le cose vi è il rovescio della medaglia. Ma ci sarà anche per le persone un rovescio della medaglia? mi spiego: una persona menefreghista, potrà mai divenire più attenta alle esigenze di chi gli sta vicino? non credo, a meno che arriva il momento in cui a questa persona tu servi, e accidenti non è ciò che vorrei… le richieste di “aiuto” – e per aiuto intendo anche solo uno scambio di opinioni per telefono – se vengo fatte devono essere anche accolte, in una giornata di 24 ore penso si possa trovare anche qualche minuto per la persona più rompi o antipatica, non credete? voi siete tipe che non rispondete al telefono??? lo lasciate squillare all’infinito tanto l’altro prima o poi si stancherà? io no, rispondo sempre anche perchè penso sempre possano esserci problemi o necessità importanti… sarò troppo ingenua??? ebbene si, ancora oggi ne ho avuta la riprova e non ho ancora imparato la lezione che è sempre meglio non chiedere nulla per poi non dovere ringraziare… ma con gli amici, i parenti o semplici conoscenti non si dovrebbe avere solidarietà della serie “una mano lava l’altra?”… ma torniamo al gelato, non voglio tediarvi oltre, per quello vi è già il caldo africano!!! e questo gelato – meteforicamente parlando e scusate anche questo ennesimo sfogo – lo dedico proprio a questa persona che in apparenza è bella gonfia come questo gelato, corposa… ma che poi, con il tempo, si riduce in una acquetta poco convincente all’assaggio!

INGREDIENTI

400 grammi di polpa di pesche (peso netto)

150 grammi di zucchero semolato

il succo di un limone di Sorrento IGP

200 grammi di panna fresca

60 grammi di cioccolato bianco

PREPARAZIONE

Frullare con il mixer ad immersione le pesche, sbucciate e private del nocciolo. Unire poi lo zucchero e il succo del limone. Versare nel composto la panna, mischiare molto bene con un cucchiaio e versare il tutto nella gelatiera. Azionarla fino a quando il gelato sarà bello corposo, aggiungere il cioccolato tagliato a tocchetti, lasciar lavorare ancora la macchina per un cinque minuti. Servire subito oppure porlo in una ciotola nel freezer fino al suo consumo.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

GELATO ALLA LIQUIRIZIA

SORBETTO ALLA PESCA

CAPRESE AL LIMONE

Con questa ricetta partecipo alla raccolta

del blog “dario dela mia cucina” dal titolo “I love home made”

Con questa ricetta partecipo al contest di Le ricette di Tina e di Arte in Cucina

con i bellissimi premi di Casa Bianca Piacenza

Questa ricetta e molte altre le trovi qui

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero”: ultimamente i biscotti stanno primeggiando nella mia cucina… se vi ricordade qualche post fa, vi ho raccontato la passione delle mie amiche a questi cookies con la pasta di zucchero colorata. Oggi vi presento i nostri biscotti a mo’ di lecca-lecca preparati per la festa di fine anno della scuola dell’infanzia di Matteo e sono felicissima, iniseme alla mia cara amica Edy, di rivelarvi l’enorme successo che hanno avuto sui bimbi ma anche sui genitori. Per noi questa festa è stato l’ultima, i pargoletti infatti a settembre andranno alla scuola primaria. Una nuova porta che sia apre e credetemi sono già emozionatissima al pensiero di acquistare tutto il materiale e chissà la mattina del primo giorno di scuola… già mi si inumidiscono gli occhi!!!

INGREDIENTI

PER LA FROLLA

250 grammi di farina 00

80 grammi di burro

150 grammi di zucchero

1 uovo

mezza bustina di lievito vanigliato

2 cucchiai di latte

PER I DECORI CON PASTA DI ZUCCHERO

realizzati con taglia biscotti/stampini

pasta di zucchero già pronta bianca della “FunCakes”

coloranti in polvere arancio e giallo “FIORIO COLORI S.p.A. de ”La Drogheria” di Como

PER I DECORI CON MARSHMALLOW

100 grammi di marshmallow bianchi

310 grammi di zucchero a velo

coloranti in polvere arancio e giallo “FIORIO COLORI S.p.A. de ”La Drogheria” di Como

PREPARAZIONE

PER LA FROLLA: unire il burro ammorbidito allo zucchero e poi aggiungere l’uovo. Amalgamare il composto inserendo il latte e il lievito per dolci. Aggiungere la farina un po’ alla volta e impastare per qualche minuto fino a quando la pasta non sarà morbida e liscia. Formare una palla e coprirla con la pellicola. Lasciarla riposare per 15 minuti. Stendete la pasta frolla con il mattarello e tagliarla con gli stampini, porre al di sotto della pasta il bastoncino o lo stecchino lungo. Metterli in forno, con della carta forno sulla placca, a 180°C per 15 minuti o fino a doratura (i tempi di cottura possono variare in base allo spessore dei biscotti). I decori che andrete ad incollare, poneteli dalla parte del bastoncino in modo che rimarrà ben saldo, a prova di bimbo!

PER I DECORI: la pasta di zucchero, al naturale si presenta di colore bianco, ma può essere colorata con coloranti alimentari in gel,  in pasta o in polvere come in questo caso; è sufficiente aggiungere alla pasta di zucchero poco colorante alla volta, sempre impastando, finchè non si sarà raggiunta la tonalità desiderata. Poi con un mattarello, stenderla fino ad avere un strato sottile un paio di millimetri. Con gli stampini di diametro più stretto dei biscotti, ritagliare tante forme quanti sono i biscotti. Per unirli insieme, inumidire la pasta di zucchero con un pennello bagnato di acqua e sovrapporre alle forma del biscotti, lasciar riposare.

PER I DECORI: sciogliere a bagnomaria i marshmallow insieme a un paio di cucchiai di acqua (la stessa operazione la potete fare con il forno a micronde). Quando sciolti, aggiungere metà dello zucchero a velo. Con il restate zucchero a velo, impastare la pasta di marshmallow fino a ottenere un impasto bello sodo e compatto unendo anche il colorante di vosto gradimento.  Poi con un mattarello, stenderla fino ad avere un strato sottile un paio di millimetri. Con gli stampini di diametro più stretto dei biscotti, ritagliare tante forme quanti sono i biscotti. Per unirli insieme, inumidire la pasta di marshmallow con un pennello bagnato di acqua e sovrapporre alle forma del biscotti, lasciar riposare. Per rendere lucidi le paste, passare un pennello inumidito di acqua, far asciugare molto bene prima di consumarli o incartarli.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

BISCOTTI CON GLASSA

OVIS MOLIS alla confettura di Albicocche

I BISCOTTI FATTI DA MATTEO

FROLLINI AI FIORI DI LAVANDA

OVIS MOLIS AL CACAO CON CONFETTURA DI FRAGOLE E ACETO BALSAMICO

Con questa ricetta partecipo al contest  “UN’ESTATE DOLCE DOLCE

del blog ZuccheroeSpezie di Mrs TrickOrTreat

in collaborazione con: Italian CupCakes

Partecipo anche al contest di “Love at First Bite” e “In Cucina per Caso

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero”: il contorno più classico nella nostra cucina sono le patate, qui con un sapore norvegese regalato dal SALE VIKING di cui vi ho parlato nel post precedente. Cucinate al cartoccio, rimangono morbidissime e il sapore viene conferito dal sale che gli regala un aroma intenso ma gradevole. Se volete un gusto più marcato, mettete ancora un po’ di sale quasi a fine cottura. Ottime come contorno a carne e pesce, soprattutto alla brace o alla griglia e questa è la stagione perfetta per barbecue fra amici. Infatti anche oggi fa molto caldo, finalmente l’estate è nel pieno della sua forza!

INGREDIENTI

6 patate di media grandezza

olio extravergine d’oliva q.b.

sale viking norvegese q.b.

PREPARAZIONE

In una ciotola, miscelare dell’olio evo con il sale viking norvegese (ogni 2 cucchiai di olio, circa mezzo cucchiaino di sale viking). Ricoprire la teglia con un foglio di carta stagnola. Accendere il forno a circa 200°C. Lavare le patate molto bene, asciugarle, tagliarle poi a metà, inciderle con l’aiuto di un coltello dalla parte della polpa. Spenellare tutte le patate molto bene con l’olio e il sale, quindi infornarle per circa 25 minuti ricoperte molto bene con un altro foglio di stagnola. Passato tale tempo, aprire il cartoccio facendo attenzione a non scottarvi, spenellate ancora le patate e se desiderate un sapore più intenso, spolverate con del sale viking al naturale. Ricoprire di nuovo, infornare per altri 25 minuti. Servire calde o tiepide come contorno.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

GNOCCHETTI DI GRANO SARACENO CON CIME DI RAPA, PANCETTA E PATATA 

SPAGHETTI AI FRUTTI DI MARE IN CARTOCCIO

TROTE AL CARTOCCIO

CON LE MIE RICETTE MI TROVI ANCHE QUI

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero” di ripresa: eccomi rientrata dalle mie vacanze di giugno. Sono scesa in Sardegna, mi sono goduta il caldo dell’inizio di estate e il buon profumo di gelsomino che mi inebriava alla mattina appena sveglia… una sensazione meravigliosa, un tepore al sole che accarezzava la mia pelle e che mi ha rigenerato ridandomi una carica di energia che negli ultimi tempi si era un po’ smorzata. La chiusura della mia attività non mi ha fatto piacere ma se “giro la moneta”,posso dire che mi piace fare la mamma ha tempo pieno, lo stress della terapia logopedica del mio bimbo: un gran impegno soprattutto per Matteo, poi mettici l’emozione al pensiero che a settembre inizierà una nuova avventura con il primo giorno di scuola e poi le solite delusioni che possono anche essere cancellate con spalluce ma che riescono anche a bruciare un tantino. Per fortuna la salute non ci manca: abbiamo passato un buon inverno senza malanni gravi, qualche virus intestinale leggero e anche per mio padre i controlli cardiaci fatti in primavera hanno dato tutti esiti negativi quindi solo preoccupazione senza conseguenze. Quindi questo inizio di estate si è aperto alla grande e speriamo che continui così con un luglio brianzolo sempre nella speranza del caldo – che io non detesto affatto – e un agosto all’insegna ancora del mare e del divertimento avendo amici ospiti da noi… ma questo sarà un altro post… sicuramente!!!

Ora veniamo all’argomento del post: tre diversi tipi di sale che troverete presso la

“DROGHERIA” di via Diaz a Como.

Il  primo di provenienza americana: “SALE SALISH” marino dal sapore unico derivato dall’affumicatura con legno di olmo rosso, perfetto da usare su carni rosse e bistecche alla piastra ma utile anche per rialzare qualsiasi piatto. Sapore deciso, forte ed intenso viene raccolto in prossimità delle coste orientali dell’oceano pacifico. Privo di coloranti, al 100% naturale.

Il “SALE VIKING” proviene dalla Norvegia, è un prodotto tipico dei paesi del nord. Ha un’aroma molto pronunciato di fumo e resina perchè si realizza mettendo ad affumicare il sale marino raccolto nel Mare del Nord con pepe e legno di pino; adatto a piatti semplici quali omelette, sufflè di formaggi e per insaporire le patate preparate in qualsiasi modo. Nella cucina tradizionale norvegese, viene utilizzato per gli stufati di carne, nelle zuppe, per insaporire dei formaggi molli o per preparare, unito al burro, la base per delle stuzzicanti tartine.

Il terzo sale si chiama “INSPIRATION MAYA” di origine messicana, è perfetto per le marinature e le carni bianche. Insaporito con un mix di pepe, ha un profumo pungente ma gradevole.

Fra i tre, ho subito usato il Viking spinta soprattutto dal suo colore giallo ma soprattutto per l’abbinamento ad un contorno che nelle nostre case non manca mai ovvero le patate…

Dall’archivio di Dolcipensieri:

LIMONI SOTTO SALE E TIMO 

TRANCIO DI VITELLO AL LATTE E SALE ROSSO DELLE HAWAII

RISOTTO ALLE ROSE, FIORI E SALE PERSIANI

Read Full Post »

CHIUSO PER FERIE…

… e come potrei portarmi il computer in questo paradiso???

Sono in Sardegna: questo è il panorama che si può ammirare da Capo Coda Cavallo, se capitate da queste parti non perdetevi l’incanto di questa visione dalla terrazza sul mare accessibile a tutti. Sotto troverete belle spiagge…

Ma la verità è che la mia compagnia telefonica non copre la zona, quindi internet arriva poco e difficilmente… per agosto rimedierò per non lasciarvi ancora e poi è bello postare direttamente dai luoghi di vacanza facendo assaporare a chi mi legge in po’ di sapori tipici; quindi per questo giro ho deciso di dedicarmi solo ai miei genitori e al mio piccolo e tenerissimo Matteo e naturalmente anche un po’ a me stessa… che ne dite??? se riesco con l’IPod cercherò di venire a trovarvi… a presto!!!

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero” rifatto: lo scorso anno avevo già confezionato dei peperoni simili a questi, sono talmente piaciuti che anche quest’anno ho voluto replicare perchè trovo il peperone la verdura che più mi richiama all’estate; sarà che sono perfetti sia per ogni tipo di cottura ma soprattutto quando si fanno cene e pranzi all’aperto con il barbacue.  Inoltre cucinati così sono molto mediterranei, perfetti come piatto unico oppure come contorno.

INGREDIENTI PER UN PAIO DI PEPERONI:

2 peperoni grandi

1 mozzarella

qualche foglia di origano fresco

4 acciughe sott’olio

un cucchiaio di capperi sottosale di Pantelleria

una decina di olive verdi

pan grattato q.b.

sale q.b.

olio d’oliva extravergine q.b.

PREPARAZIONE:

Preparare i peperoni: lavarli e tagliarli a metà, eliminare i semi interni e il picciolo. Accendere il forno a 200°C, ungere una teglia con un filo di olio e porre i peperoni con la parte tagliata verso il basso; infornarli per una decina di minuti dopo di che girarli dalla parte opposta e coprire la teglia con la carta stagnola e infornarli di nuovo per altri dieci minuti. Sfornare i peperoni, porli in una capiente ciotola e ricoprirla con la pellicola per alimenti lasciandoli riposare per circa una mezz’oretta per poterli così pelare senza fatica.

Preparare il ripieno: tagliare a dadini piccoli la mozzarella, porla in una ciotola unendo qualche foglia di origano tritato finemente. Aggiungere sale e olio evo per quanto basta, mischiare molto bene il tutto, unire un poco di pan grattato, le acciughe tagliuzzate e i capperi ben lavati e tritati finemente mentre le olive divise a metà; usare tale composto per riempire i peperoni che avrete spellato. Porre i peperoni ripieni su una teglia antiaderente, bagnarli con un filo di olio evo e porli in forno per una decina di minuti a 200°C poi passarli al grill sempre in forno fino a quando avranno una crosticina in superficie. Servirli caldi o tiepidi. Ottimi come piatti unici.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

PEPERONI AL FORNO CON ACCIUGHE E MOZZARELLA DI BUFALA 

INSALATA DI RISO ALLA MAGGIORANA

INVOLTINI PRIMAVERA CON VERMICELLI DI SOIA, VERDURE E GAMBERI

Con questa ricetta partecipo al contest del blog: “PROFUMO DI GLICINE… CHE ARRIVA IN CUCINA”

dal titolo “SUA MAESTA’ IL PEPERONE”

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero”: un primo piatto molto gustoso con dell’ottimo guanciale di maiale e forse gli ultimi carciofi di stagione primaverile. Perfetta anche se la gustate tiepida ora che sono veramente iniziate le prime giornate estive…

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

360 grammi di penne o pasta corta

4 carciofi

250 grammi di guanciale di maiale

1 scalogno

un mazzetto di prezzemolo fresco

1 spicchio di aglio

il succo di un limone (uno per i carciofi)

olio extravergine sardo q.b.

pepe nero q.b.

sale q.b.

grana gratuggiato facoltativo

PREPARAZIONE

Con la mezzaluna, tritare finemente il prezzemolo ben lavato e mondato con lo spicchio di aglio privato della buccia. Pulire i carciofi e affettarli a julienne che metterete in una ciotola con acqua acidulata, affettare a velo lo scalogno mentre il guanciale tagliato a pezzettini piccoli; scaldare dell’acqua che porterete a bollore salandola, tuffare la pasta corta (cuocere per il tempo utile indicato sulla confezione). In una padella antiaderente, mettere un filo leggero di olio evo in cui tufferete lo scalogno e il guanciale che rilascerà molti grassi; far cuocere a fuoco vivace fino a quando il guanciale sarà ben rosolato, unire i carciofi ben scolati dall’acqua, il trito di prezzemolo e aglio mescolando molto bene. Regolare di sale e pepe nero e appena asciuga, unire un poco di acqua di cottura della pasta, abbassare la fiamma e tenere il tutto in caldo. Scolare la pasta che unirete al condimento, far saltare bene il tutto, impiattare con filo di olio evo a crudo, una leggera spolverata di pepe nero e per chi gradisce del grana gratuggiato.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

PENNETTE ALLA VODKA CON CULATELLO DI ZIBELLO

SOBA NOODLES GAMBERETTI, CARCIOFI E SESAMO

RISOTTO CON GUANCIALE E GORGONZOLA

Questa e tante altre ricette se

DONNE SUL WEB BANNER

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: