Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 16 settembre 2012

Un “Dolcepensiero” ispirato alla tradizione: dopo la Buseca, piatto tipico e tradizionale della cucina lombarda soprattutto della zona milanese e comasca, mi sono goduta la Torta Sabbiosa anch’essa tipica ricetta della tradizione, ma veneta. Una torta prelibata, molto conosciuta e apprezzata in molte zone non solo del Veneto ma di tutto il nord-est ; questa torta è sofficissima e oggi ho voluto aromatizzarla con il Cardamomo, una delle spezie che più amo e che uso appunto, per aromatizzare i miei piatti. Questa spezia si presenta in capsule che racchiudono dei piccolissimi semini neri che conferiscono al piatto un sapore quasi agrumato molto persistente. Dopo lo zafferano e la vaniglia, il cardamomo è la spezia più cara in commercio; è conosciuta fin dai tempi dei greci e romani che la usavano per confezionare profumi. L’uso del cardamomo prevede la rottura della capsula, dai cui si ricavano piccolissimi semini marroni-neri da schiacciare con un mortaio. Si racconta anche che nell’ottocento era molto famosa per i suoi poteri afrodisiaci: aggiungerla nei piatti del proprio amato o amata, era in grado di conquistare il suo cuore. E cosa c’è di meglio che aggiungerla ad un dolce così buono e dolcissimo? credetemi il risultato è stato strepitoso… anche perchè la torta sabbiosa è un dolce perfetto come base, dove poter aggiungere altri ingredienti per renderla ancor più ghiotta e perchè no, accattivante…

INGREDIENTI

300 grammi di burro leggermente salato

1 noce di burro per la pentola

300 grammi di zucchero semolato

3 uova

150 grammi di farina 00

150 grammi di fecola di patate

1 bustina di lievito

una dozzina di capsule di Cardamomo  “I gusti Vegetali” della ditta Ferri (link)

un pizzico di sale

zucchero a velo per la finitura

PREPARAZIONE

Lavorare il burro leggermente salato, ammorbidito a temperatura ambiente, con lo zucchero fino a quando avrete ottenuto un composto chiaro e cremoso. Aggiungere i tuorli e continuare a montare. Unire la farina, la fecola e il lievito setacciati insieme; continuare ad amalgamare. Montare a neve ben ferma con un pizzico di sale gli albumi che unirete al composto in movimenti delicati. Privare il cardamomo dalle capsule, riunire i semini in un mortaio e pestarli fino a quando diverranno una polvere che unire come ingrediente finale all’impasto. Imburrare la tortiera ed infarinarla, versare il composto e infornare a 180°C per circa 45 minuti*. Quando sarà cotta, trasferirla su un piatto da portata e cospargerla di zucchero a velo.

*girovagando in rete mi sono imbattuta in questa ricetta parecchie volte: io l’ho cucinata ben due volte tenendo conto di una cottura di 30 minuti che si è rivelata sbagliata. Aprendo il forno, il dolce si presentava ancora morbidissimo; infatti dopo averlo richiuso e continuato la cottura, la torta si è afflosciata nel centro. La seconda volta che l’ho cucinata, ho impiegato 45/50 minuti tutto a 180° C, comunque testata con la prova dello stecchino.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

FROLLA AL CARDAMOMO CON RIPIENO DI FRUTTA SECCA E MIELE SARDO

CIAMBELLONE AL MASCARPONE PROFUMATO DI CARDAMOMO

CONFETTURA DI MORE E CARDAMOMO

BIRYANI DI RISO E SPEZIE

TORTA PROFUMATA AL CARDAMOMO CON MELE E CIOCCOLATO

TORTA MELE E CARDAMOMO “FANTASTIDONNE”

POLLO ALLE SPEZIE CON VERDURE

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: