Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘acqua bollente’

TORTA AL CIOCCOLATO SENZA FARINA (44)+

Un “Dolcepensiero”: che meraviglia le merende sotto il periodo natalizio… tutto prende un’altra “piega”! Davanti al camino mentre ci si accoccola con un bel film natalizio di quelli con il finale sempre rosa che ti fa credere che i problemi quotidiani non esistono e dove le famiglie si voglio bene senza rammarichi, dove l’invidia e la gelosia sono solo peccatucci capitali, quel che ci vuole è proprio una fetta di torta; se poi la torta in questione è quasi un cioccolatino, beh… la coccola è assicurata! Ho riproposto la torta di Sophie Dahl proprio in occasione del primo week end natalizio perchè l’ho trovata decisamente accomodante, ottima con un buon thè caldo e fumante.

TORTA AL CIOCCOLATO SENZA FARINA (22)+

INGREDIENTI

300 grammi di cioccolato fondente spezzettato

1 pera williams

225 grammi di zucchero semolato finissimo

180 ml di acqua bollente

250 grammi di burro leggermente salato

6 uova, i tuorli separati dagli albumi

1 cucchiaino di mocaccino in polvere istantaneo

1 fialetta di aroma alla vaniglia

un pizzico leggero di sale per gli albumi

un cucchiaino scarso di lievito per dolci

burro per ungere la teglia

PREPARAZIONE

Ungere e foderare con carta da forno leggermente umida e stropicciata per dare più forma, la base di una teglia a cerniera rotonda da 24 cm (la consistenza della torta è piuttosto umida e appiccicosa). Riscaldare il forno a 180°C. In un mixer, ripetendo l’operazione in base alla capacità del bicchiere, tritare il cioccolato con lo zucchero finché è fine, trasferire tutto nella planetaria. Aggiungere l’acqua bollente, il burro ammorbidito, la polvere di mocaccino (o caffè), l’aroma di vaniglia, le uova e il lievito: azionare la planetaria fino a quando tutto era ben omogeneo. In una ciotola, sbattere gli albumi con un pizzico di sale fino a che sono sodi e poi aggiungerli al composto nella planetaria e mescolare fino a quando il tutto si sarà ben miscelato. Tagliare a dadini la pera lavata e pelata, unirla al composto miscelando con un cucchiaio di legno. Versare l’impasto nella teglia preparata e metterla in forno caldo per 60 minuti. La superficie si creperà. Una volta tirata fuori dal forno, la torta collasserà un poco, deve essere leggermente irregolare ai bordi. Lasciar raffreddare la torta su una gratella con i bordi della carta forno abbassati in modo da far scolare l’acqua che rilascia dopo la cottura: vi ricordo che è una torta senza farina, con la presenza di acqua, non spaventatevi se trovate dell’acqua sulla base. Quando pronta per essere servita, ricoprila completamente con lo zucchero a velo.

TORTA AL CIOCCOLATO SENZA FARINA (13)+

Dall’archivio di Dolcipensieri:

TORTA DI PANE AL GIANDUIA

MUFFIN AL CIOCCOLATO E CANNELLA

STRUDEL DI MELE E PERE CON ZUCCHERO ALLA CANNELLA

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero”: la torta che oggi vi presento è tratta da un bellissimo libro/ricettario di Sophi Dahl…

(immagine presa dal web)

questa più che una torta, assomiglia ad un grosso cioccolatino perchè è morbidissima e fatta con cioccolato puro. Come dice Miss Dahl “questa è la madre di tutte le torte al cioccolato” e devo dire che lo penso anche io. Ricca di solo cioccolato puro – e vi consiglio di utilizzare del buon cioccolato – è un piacere godere a pieno questa delizia black. Miss Dahl consiglia di servirla ben fredda da frigo, consiglio che ho utilizzato quest’estate ma in questi giorni, dopo averla rifatta per ben due volte (la seconda con una mia variante, ma sarà protagonista di un altro post) devo dire che è deliziosa anche a temperatura ambiente. Va consumata sicuramente a piccole dosi perchè ricca, dolce e molto appagante… Leggere questo suo libro è un piacere: mi sono immersa nelle belle foto con quel tocco di rustico chic che io adoro, godere delle sue ricette è stato un gran piacere per i sensi e l’immaginazione e ora sto’ leggendo anche le storie sue e legate alla sua famiglia poste fra le ricette divise in base alle quattro stagioni. La sua biografia è intensa: modella icona delle misure over size, è poi riuscita a dimagrire, ha scaldato anche le cronache rose con una sua relazione con Mick Jagger ora giornalista per varie testate in cui si occupa di cucina e condutrice tv di una trasmissione sempre di cucina. Un gran e bel ricettario che vi consiglio di acquistare, un tocco chic ma semplice che renderà la vostra cucina molto ricca e golosa….

INGREDIENTI

burro per ungere la teglia

300 grammi di cioccolato fondente spezzettato

225 grammi di zucchero semolato finissimo

180 ml di acqua bollente

250 grammi di burro leggermente salato (ricetta originale, 225 grammi di quello normale)

6 uova, i tuorli separati dagli albumi

1 cucchiaino di mocaccino in polvere istantaneo (ricetta originale, caffè solubile istantaneo)

1 fialetta di aroma alla vaniglia (ricetta originale, un cucchiaio)

un pizzico leggero di sale per gli albumi, aggiunta mia

un cucchiaino scarso di lievito per dolci, aggiunta mia.

PREPARAZIONE testo di Sophie con le mie modifiche tra parentesi…

Ungi e fodera (con carta da forno leggermente umida e stropicciata per dare più forma) la base di una teglia quadrata da 20 cm o rotonda da 23 cm (come Sophie, anche io preferisco usare uno stampo a cerniera perchè la consistenza della torta è piuttosto umida e appiccicosa, la mia era di diametro 24 cm). Riscalda il forno a 180°C. In un capiente robot da cucina (io ho usato un mixer, ripetendo l’operazione ben tre volte), trita il cioccolato con lo zucchero finché è fine (poi io ho trasferito tutto nella planetaria). Aggiunti l’acqua bollente, il burro (ammorbidito), la polvere di mocaccino o caffè, l’aroma di vaniglia e il lievito (io ho azionato la planetaria fino a quando tutto era ben omogeneo). In una ciotola di vetro, sbatti gli albumi (per me un pizzico di sale aggiunto) fino a che sono sodi e poi aggiungili al composto nel robot o planetaria e mescola per dieci secondi (o fino a quando il tutto si sarà ben miscelato). Versa l’impasto nella teglia preparata e mettila in forno caldo per 45-55 minuti (per me 60 minuti). La superficie si creperà come una foglia del deserto. Una volta tirata fuori dal forno la torta collasserà un poco (anche se avete aggiunto il pizzico di lievito). Va bene; non vuole essere un’orgogliosa fantastica torta, deve essere leggermente irregolare ai bordi e fatta in casa. Lascia raffreddare la torta (io l’ho prelevata con la carta forno, messa su una gratella e appiattito i bordi della carta forno in modo da far scolare l’acqua che rilascia dopo la cottura: vi ricordo che è una torta senza farina, con la presenza di acqua, non spaventatevi se trovate dell’acqua sulla base) poi mettila qualche ora in frigo (ho fatto così a luglio, oggi l’ho semplicemente lasciata a temperatura ambiente). Quando sei pronta a servire, ricoprila completamente con i lamponi, le fragole e la crème fraiche (così ho fatto in estate, ora l’ho gustata al naturale). Puoi anche grattugiare dell’altro cioccolato sulla superficie. “La mia preferita, parola di Sophie.”

Dall’archivio di Dolcepensieri:

TORTA BIANCA ALLA CANNELLA E CAFFE’

CAPRESE AL CIOCCOLATO

TORTA CRISTINA

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: