Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘CONFETTURA DI MORE’

Un “Dolcepensiero” da dispensa: sto’ rifoccillando la mia dispensa per il prossimo autunno giusto qualche giorno prima di partire per le vacanze. Dopo la confettura con le prugne del mio papà, proseguo sempre con della frutta del mio papi e questa volta con le more, che sono già state protagoniste lo scorso anno in questa veste. La confettura l’ho aromatizzata con il cardamomo spezia da me cosciuta da poco ma di cui mi sono subito innamorata: sarà per il suo profumo agrumato oppure per la bellezza delle bacche nere custodite in una capsula. Il cardamomo deve il suo nome ai monti Cardamomi che si trovano al confine tra Cambogia e Tailandia. È una spezia antichissima: la leggenda del luogo narra del suo profumo che nutre il cuore degli innamorati. Lo si usa in tutto il mondo: degli arabi lo mettono in aggiunta al caffè come segno di ospitalità ma anche perfetto alleato per ridurre gli effetti della caffeina. E’ Iingrediente del curry. Nei paesi scandinavi lo si usa per aromatizzare pane, dolci, insaccati e sottaceti. Le bacche usate sono della linea “I GUSTI VEGETALI” della ditta “FERRI DAL 1905” custoditi in graziosi vasetti con chiusura a tappo ermetico e guarniti con etiche di gusto raffinato.

INGREDIENTI PER DUE VASETTI DA CM 70

500 grammi di more

una dozzina di capsule di cardamomo della linea “I GUSTI VEGETALI” ditta “FERRI 1905”

150 grammi di zucchero di canna

il succo di mezzo limone biologico.

PREPARAZIONE

Sterilizzare i vasetti: porre sul fuoco una pentola alta con dell’acqua, appena inizia a sobbollire, calare i vasetti e i tappi a sterilizzare per una decina di minuti. Estrarli con una pinza e porli sopra uno strofinaccio pulito per asciugarsi.

Preparare la confettura: passare nel passaverdura le more ben lavate fino a quando rimangono nel cestello solo la pelle e i semini. Porre la purea in una padella antiaderente, unire lo zucchero e il succo di limone, mescolare bene il tutto e mettere su fuoco dolce a cuocere. Nel frattempo rompere le capsule e schiacciare i semini neri del cardamomo che unirete alla confettura. Cuocere per circa una mezz’oretta – schiumando in superficie se necessario – o fino a quando vela il cucchiaio. Riempire i vasetti, chiuderli molto bene e capovolgerli in modo da creare il sottovuoto. Porre in luogo fresco ed asciuto: si può consumare subito oppure nell’arco di qualche mese non di più.

Con questa ricetta partecipo al contest della dolcissima ALESSIA

del blog: “DOLCEZZE DI NONNA PAPERA”

dal titolo “METTI LA NATURA SOTTO VETRO”

Dall’archivio di Dolcipensieri:

CONFETTURA DI FRAGOLE E ACETO BALSAMICO

TORTA CHIUSA DI MELE E MORE

TORTA PROFUMATA AL CARDAMOMO CON MELE E CIOCCOLATO

Read Full Post »

Un “Dolcepensiero” che fa la differenza… e si perchè fra CONFETTURA e MARMELLATA c’è una bella differenza. Noi tutti i giorni chiamiamo marmellata ciò che, a base di frutta, si può spalmare su una semplice fetta di pane, ma essere precisi, si parla di marmellata quando la frutta protagonista è un agrume (che può essere arancia, mandarino, limone, pompelmo e bergamotto). Si parla di confettura quando si utilizza altra frutta o anche della verdura. La ricetta più antica risale alla storia greca: era loro abitudine cuocere le mele cotogne con miele per conservarle. Per la mia versione di oggi, il frutto protagonista è la mora di rovo raccolte nel giardino di mio padre ma che si possono trovare anche nei boschi: è possibile raccogliere questi succosi frutti, che nascono e crescono spontaneamente, a cavallo fra il mese di agosto e settembre.

INGREDIENTI

500 grammi di more di rovo

450 grammi di zucchero

il succo di un limone

la buccia di 1/2 limone

PREPARAZIONE

Sterilizzate i vasetti in acqua bollente, riempiteli e lasciateli raffreddare. Lavare le more, privarle del picciolo e sgocciolarle. Metterle in un recipiente con lo zucchero e il succo del limone, coprire e lasciare macerare in frigo per un paio di ore, dopodichè mescolare con un cucchiaio di legno e lasciare ancora in frigo per altre due ore. Quindi versate il composto in un tegame, con il frullatore ad immersione, frullare le bacche, portate a bollore cuocendo per circa un quarto d’ora mescolando e schiumando regolarmente. La confettura sarà pronta quando velerà il cucchiaio. Con un passa verdura a fori piccoli, passare la confettura per eliminare i semini, unire poi la buccia del limone e mescolare. Versare la confettura nei vasetti, quindi coprirli con uno strato di pellicola per alimenti. Conservate la confettura al riparo dalla luce.

Dall’archivio di Dolcipensieri:

CONFETTURA DI FRAGOLE E ACETO BALSAMICO

CROSTATA DI FRUTTA E NOCI PROFUMATA AL POMPELMO

APERITIVO ALLE FRAGOLE

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: