Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘FIDELIN’

FIDELIN PRIMAVERA (10)+

Un “Dolcepensiero” riproposto: ultimamente ho ricomprato questi spaghettini denominati FIDELIN ottimi da gustare con il formaggio; infatti sul blog li avevo già proposti qui e anche per questa volta mi sono ispirata un po’ alla cucina valtellinese – che adoro – cucinandoli con verdurine e la prima piccola e soda verza che ho trovato al mercato… non poteva mancare un abbinamento con vino rosso valtellinese della cantina di mio marito: il DIAUL della cantina Nino Negri. l’annata che abbiamo bevuto è quella del 2004 e abbiamo trovato le bottiglie a circa sette euro l’una. E’ DOCG dal vitigno del nebbiolo che i valtellinesi chiamano chiavennasca. E’ un rosso corposo con un profumo di frutti di bosco: è adatto soprattutto per i piatti di carne ma l’ho trovato delizioso con questo primo con verdure e formaggio. Inoltre gustare un vino della Valtellina è come gustare un pezzo della loro coltura: infatti la vendemmia viene fatta a mano con ceste sulla schiena perchè i vitigni valtellinesi si distribuiscono lungo i dorsali in discesa verticale della montagna. Sarà anche per il fatto che recentemente abbiamo fatto un giro enogastronomico in quel di Teglio gustando piatti deliziosi e vini corposi. Invitanti e gustosi questi fidelin, ma ecco il tutto per la ricetta:

FIDELIN PRIMAVERA (9)+

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

320 grammi di fidelin

2 carote

qualche foglia di verza

250 grammi di stelvio DOP

1 cipolla

pepe bianco

olio extravergine d’oliva

burro q.b.

dado vegetale in polvere q.b.

salvia

PREPARAZIONE

FIDELIN PRIMAVERA (4)+

Tagliare a julienne tutte le verdure.

FIDELIN PRIMAVERA (2)+

Tagliare anche il formaggio a dadini piccoli. In una capiente padella antiaderente, far rosolare la cipolla in olio extravergine d’oliva tuffandoci le carotine facendole cuocere per circa cinque minuti, aggiungere poi le verze salandole; cuocere il tutto per altri cinque minuti a fuoco medio aggiungendo dell’acqua tiepida dove avrete fatto sciogliere un po’ di dado vegetale in polvere. Continuate la cottura a fuoco basso facendo attenzione che non si asciughino le verdure (aggiungete acqua e dado); aggiustare di pepe. Mettere l’acqua a bollire per i fidelin… tuffarli e mentre cuociono, in un’altra padella capiente far scioglire del burro con la salvia e un filo di olio, quando inizia a “sfrigolare” aggiungete acqua di cottura, mescolate e lasciate sul fuoco. Scolate i fidelin, aggiungeteli alla verdura e versateci sopra il burro sciolto, mischiate tutto bene e fate saltare per qualche minuto fino a quando il formaggio si è sciolto bene. Servire ben caldi con ancora una spolverata di pepe…

FIDELIN PRIMAVERA (8)+

H O M E

B  L  O  G

Read Full Post »

Un “dolcepensiero” tecnico: la pasta FIDELIN è un prodotto ottenuto dalla trafilazione, laminazione e conseguente essicamento di impasti di farina integrale di grano saraceno semolato e semola di grano duro. Si presenta di colore bruno, tipico dei prodotti a base di grano saraceno. Per questa ricetta ho pensato di utilizzare i fidelin cucinandoli con una verdura di stagione e cioè il RADICCHIO TARDIVO, che è il più diffuso; in cucina si usa solitamente cotto pur avendo un ottimo sapore anche da crudo. Mentre come formaggio ho utilizzato il KALTBACH, un formaggio confezionato come fosse un panetto di burro stagionato in grotta.Il clima particolare della grotta in quel del canton di Lucerna, è l’ambiente ideale per la stagionatura che ne conferisce la sua particolarità. Dopo la selezione, le forme restano a riposo nelle grotte per ben un anno, sviluppando così il colore ed il suo sapore particolare e inconfondibile formandosi dei cristalli bianchi che rendono le forme inconfindibili e di conseguenza squisite.

fidelin1

FIDELIN CON PATATE, TARDIVO E KALTBACH

fidelin-8

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE:

320 grammi di FIDELIN

120 grammi di RADICCHIO TARDIVO

150 grammi di patate

1/2 cipolla rossa di Tropea

120 grammi di KALTBACH

120 grammi di burro

olio extravergine d’oliva

rametti di timo

grana gratuggiato

sale e pepe nero.

PREPARAZIONE

Pulire il RADICCHIO, lavarlo bene e sfogliarlo.

fidelin-11

Sbucciare la cipolla rossa e dividerla a pezzettini piccoli; pelare poi le patate, lavarle, tagliarle a tocchetti. Tagliare a cubetti piccoli il KALTBACH.

fidelin-2

Mettere sul fuoco una padella antiaderente con un filo d’olio, aggiungere, dopo pochi minuti, le foglie del radicchio. Far cuocere a fuoco vivace per un paio di minuti scuotendo spesso la padella, aggiungere poi dei rametti di timo lavati e asciugati e un cucchiaio di acqua tiepida per non far asciugare il tutto.

fidelin-3

Tuffare le patate e i FIDELIN in acqua bollente salata non esageratamente visto che il KALTBACH è saporito.

fidelin-4

Far cuocere per circa dieci minuti. Nel frattempo fondere a fuoco dolce il burro con la cipolla rossa di Tropea. Scolare la pasta con le patate e distribuirla nella pentola del soffritto, far saltare il tutto per un paio di minuti.

fidelin-5

Prendere una ciotola capiente, versare la pasta con tutto il soffritto, aggiungere il formaggio e mescolare energicamente scaravoltando il tutto in modo che il formaggio a contatto con la pasta calda, si fonda.

fidelin-6

Impiattare con una spolverata grana gratuggiato, di pepe nero e con i rametti di timo brasati.

fidelin-7

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: