Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘mercatini di natale’

Un “Dolcepensiero” per far festa… è in pieno svolgimento a Como la CITTA’ DEI BALOCCHI dove nelle varie vie della città, si possono incontrare mercatini di ogni genere, personaggi curiosi che allietano i bimbi, babbo natale che regala dolci e artisti di strada che gioiscono ad ogni tintinnar di monete.

In piazza Cavour che si affaccia sul lago (dove è sorto quel famoso muro che stava per ofuscare il meraviglioso panorama!!!) si estende la pista sul ghiaccio dove si può passare qualche ora scivolando fra musica e profumo di frittelle. Ma sono le bancarelle un po’ da tutta Italia che la fanno da padrona… infatti si possono acquistare prodotti alimentari oppure ricordini e pensieri per amici e parenti: per l’esatezza dire bancarelle sarebbe un offesa, perchè i produttori possono dar sfoggio dei loro prodotti in splendide casette di legno tutte disposte in fila in un ordinato sentiero posto nel centro piazza. Ma l’appuntamento con la tradizione comasca natalizia, si estende anche attraverso le altre vie e piazze: in piazza Volta c’è la bellissima giostra di cavalli e la polizia di stato che da lezioni ai bimbi e fa provare i vari mezzi in loro dotazione. Il trenino vi assicura un giretto della città, bellissimo se lo fate alll’imbrunire con un mix di tramonto e luci di natale. In piazza S. Fedele, anche durante altre domeniche durante l’anno, si estende un mercatino con prodotti fatti a mano: a Natale si arricchisce di cose ancora più belle e colorate create da mani esperte.

Accanto al profano, ci saranno anche tante manifestazioni sacre: il presepe vivente e la classica messa di mezzanotte in Duomo che si affaccia sulla rispettiva piazza con il Broletto illuminato. Insomma se non ci siete ancora venuti, beh non mancate in questo particolare momento… Como non è solo Clooney!!!

Pubblicità

Read Full Post »

Trovo la mia città incantevole, tra lago e monti, i panorami sono straordinari ora meta anche di noti americani… ma per me rimane la città che ogni tanto mi ragala emozioni. La brianza, come diceva Lucio, maledetta ma altrettanto misteriosa e affascinante, riesce ad incorniciare meravigliosi scorci. E quando arriva natale, si popola di molti particolari aritisti e ragala non solo a noi abitanti, un’aria molto particolare del natale. Ed ecco che già da metà novembre, passeggiando in una mattinata fredda ma con un bel sole, mentre sorseggi un buon caffè, ti ritrovi già nel pieno del natale con mercatini, animazioni, addetti alle luminarie che stanno preparando le strade per essere illuminate al calar del sole.

como-anticipi-di-natale

A Matteo, sempre più stupito da questi stravaganti artisti, gli è venuto appettito e quindi ci siamo fermati a fare colazione e questo è stato il risultato:

matteo-e-la-sua-colazione

In piazza dietro di noi, tante bancarelle per uno dei tanti mercatini di natale.

mercatini-di-natale

mercatini-di-natale-1

CENTROTAVOLA NATALIZIO

 

centrotavola

Per confezionare un centrotavola natalizio occorrono: un sottovaso di quelli verdi per raccogliere l’acqua delle piante oppure una qualsiasi ciotola che avete in casa della dimensione che volete. Avendo un giardino ho potuto tagliare rami di pino, abete, pungitopo, pigne, che ho colorato di oro, ghiande mentre l’agrifoglio l’ho acquistato in un negozio di fiori insieme alla spugna verde. Prendere un’arancia e una mela, tagliarle a fette e metterle sopra il calorifero per alcuni giorni fino a quando si presenteranno belle secche; in un negozio di bricolage ho acquistato alcuni ninnoli come meline artificiali, rametti di cannella (di materiale per confezionare i centri tavola ce ne sono tantissimi come spighe, bacche, oggettistica varia che riprende la natura oppure temi natalizi). Inoltre sono simpatici anche dei fiocchi di tutti i colori e come ogni centrotavola che si rispetti servono le candele. Per fermare i vari oggetti serve una pistola con colla a caldo. Si procede così: prendere la ciotola (se ne dovete fare molti da regalare vi consiglio quei sottovasi citati sopra che costato meno di un euro) ed incastrateci dentro la spugna che bagnerete poco almeno un giorno prima e con l’aiuto di un coltello smussare le eccedenze che userete per coprire i buchi; questo perchè di solito la spugna in vendita è rettangolare. Iniziare a premere al centro la candela e con dei rami piccoli iniziare sempre dal centro a riempire con i rami di pino e abete intervallando le varie sfumature. Una volta riempita tutta la superficie, iniziare a mettere gli oggettini che avete scelto per esempio: ho inserito l’agrifoglio, ho incollato delle ghiande, ho infilzato le meline con lo spaghetto incollandoci poi vicino la cannella con dei fiocchettini rossi. Da una parte ho messo la pigna oro e dietro la fetta di mela essicata con un filo rosso. Come ultimo controllo, visionare eventuali buchi che riempirete con altro materiale a vostra scelta, l’importante non usate rami lunghi, non usate troppo materiale diverso sia di forma che di colore cercando di fare girare la vostra scelta in base alla grandezza della candela e del suo colore. Tenere bagnata la spugna in modo che vi duri con il tempo. E poi via di fantasia…centrotavola-1 

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: