Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘PAPPARDELLE’

Un “Dolcepensiero” fuori stagione: lo so’, lo so’ siamo in primavera e quindi bisognerebbe postare in tema ma quando è il marito che ti chiede un piatto, come resistere a non farlo??? COMPLICE un bel e buon sacchetto di funghi porcini secchi rimasti in dispensa da questo natale; giustamente non trovo giusto lasciarlo li per tutta l’estate e poi se mi affaccio alla finestra, in questi giorni è un susseguirsi di temporali primaverili con anche una leggera e fresca brezzolina… quindi non ho trovato poi così tanto fuori luogo esaudire il desiderio di Marco e anche cogliere occasione per pulire un po’ la dispensa. A differenza di altri piatti simili a questo proposto oggi, posso dirvi che ho reso le fettuccine belle piccantine con del peperoncino e croccantine grazie ai semi di sesamo… strepitose!

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

400 grammi di pappardelle

250 ml di panna da cucina

100 grammi di funghi porcini secchi

3 spicchi di aglio rosso

olio di oliva extravergine q.b.

peperoncino piccante q.b.

semi di sesamo q.b.

prezzemolo tritato q.b.

sale q.b.

pepe q.b.

PREPARAZIONE

In una padella antiaderente larga, far rosolare l’aglio in olio evo, appena dorato unire i porcini secchi che avrete ammollato in acqua tiepida e ben strizzati. Mescolare bene e quando si presentano ben ammollati, unire la panna e stemperarla con i funghi. Far cuocere a fuoco basso, intanto lessare la pasta in acqua bollente salata. Mentre cuoce, unire al condimento una spolverata di peperoncino, una presina di sale e pepe, miscelare bene il tutto e se asciuga troppo, unire qualche cucchiaio di acqua di cottura. Finire con una spolverata di prezzemolo. Scolare la pasta, farla saltare in padella con i funghi e servire nei piatti da portata con un’altra spolverata leggera di prezzemolo e una generosa pioggia di semi di sesamo, servire.

Con questa ricetta partecipo al contest:

In 20 minuti o meno: ricette speed per gente MOLTO occupata

del blog “Mamma papera’s blog

su per giu’ è una bella ricetta che si prepara in circa una mezz’oratta!!!

Dall’archivio di “Dolcipensieri”:

SPAGHETTINI AGLIO E BASILICO ALLA BOSCAIOLA

BRASATO D’ANATRA CON FUNGHI PORCINI

IL BOSCAIOLO

MILLEFOGLIE CON FONDUTA E FUNGHI

TAGLIATELLE PANNA PORCINI E BOCCONCINI DI CARNE

Mi trovate anche qui

 

Read Full Post »

Un “dolcepensiero” un po’ informativo: il gorgonzola naturale è un formaggio erborinato di tradizione italiana. Il termine “erborinato” deriva dal dialetto lombardo – infatti il gorgonzola è un tipico e diffuso formaggio della regione – e precisamente dalla “erborin” che nella lingua italiana indica il prezzemolo: quest’associazione di termini deriva dalle tipiche venature verdastre dovute alle muffe nella pasta interna. Però, in passato, il gorgonzola nasceva senza queste nervature dovute alle muffe. Non solo, il formaggio gorgonzola deve anche il suo nome alla città omonima in provincia di Milano, dove in passato facevano sosta le bestie che arrivavano dal pascolo stanche e venivano subito munte in modo che al mattino dopo si poteva lavorare il latte per creare il formaggio. In dialetto lombardo la parola stanca di traduce in “stracca” e da questo termine nasce il sinonimo del gorgonzola, lo “stracchino” appunto. Viene prodotto con due paste che nascono dalla cagliata della sera che viene unita con quella del mattino. La crosta è umida e rugosa, la pasta cremosa con striature verdi e bluastre. Quello NATURALE, ha una pasta con parecchie nervature verdastre; la sua forma è rotonda, indicato nei primi ma ottimo semplicemente spalmato su pane e crostini per un semplice antipasto, ideale abbinamento con noci, prosciutti e frutta come le pere, perfetto sulla pizza e buonissimo per torte salate e quiche… A seconda del suo affinamento, il gorgonzola si può trovare sia dolce o piccante, cremoso o con pasta più compatta oltre che abbinato a noci e mascarpone.

PAPPARDELLE ZOLA NATURALE (1)+

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

320 grammi di pappardelle

160 grammi di zola naturale

latte q.b.

noce moscata q.b.

qualche gheriglio di noce.

PREPARAZIONE

PAPPARDELLE ZOLA NATURALE (3)+

Cuocere le pappardelle in acqua bollente salata mentre in una padella antiaderente, fate sciogliere a fuoco basso, il gorgonzola senza chiacciarlo in modo che rimangono i pezzi verdestri del gorgonzola intatti. Unire poi un goccio di latte, michiare bene il tutto, aromatizzare con della noce moscata ed infine aggiungere le noci tritate grossolanamente – lasciate da parte qualche gheriglio per il finale del piatto – unendo poi la pasta. Far saltare molto bene, impiattare con qualche gheriglio lasciato da parte.

PAPPARDELLE ZOLA NATURALE (4)+

DOLCIPENSIERI e la pasta… lunga:

tagliatelle panna e porcini (1)

TAGLIATELLE PANNA PORCINI E BOCCONCINI DI CARNE

TAGLIATELLE aspa e pance2

TAGLIATELLE ASPARAGI E PANCETTA

tagliatelle2

TAGLIATELLE AL RAGU’ DI CINGHIALE

paglia e fieno4

PAGLIA E FIENO DELLA FATTORIA

TAGLIATELLE AL RAGU DI NONNA PINUCCIA

TAGLIATELLE AL RAGU’ DELLA NONNA PINUCCIA

pappardelle ricotta e carciofi 3

PAPPARDELLE RICOTTA E CARCIOFI

PAPPARDELLE ZOLA NATURALE+

 H  O  M  E

B  L  O  G

Read Full Post »

pappardelle-ricotta-e-carciofi

Un “dolcepensiero” regionale: per  questa ricetta ho trovato dei meravigliosi CARCIOFI SPINOSI SARDI. A differenza di quello romano, privo di spine rotondo, il carciofo sardo è dotato di spine con foglie appuntite.

pappardelle-ricotta-e-carciofi-1

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

400 grammi di pappardelle

2 carciofi spinosi sardi

300 grammi di ricotta

olio extravergine

sale e pepe

moce moscata

1 limone

parmigiano reggiano.

PREPARAZIONE

pappardelle-ricotta-e-carciofi-2

Pulite i carciofi, tagliateli a fettine sottili, bagnarli con il succo di limone. Cuocete le pappardelle in abbondante acqua salata e, a parte, ammorbidite la ricotta con un po’ d’acqua di cottura della pasta, aggiungete un pizzico di sale, pepe e noce moscata, aggiungervi i carciofi e far scaldare il tutto su fuoco lento per circa 6-7 minuti aggiungendo acqua di cottura se si asciuga troppo. Scolate la pasta e versateci sopra il sugo ottenuto con i carciofi e la ricotta, servite con un’abbondante spolverata di Parmigiano.

pappardelle-ricotta-e-carciofi-31

Read Full Post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: