Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘piselli’

Un “Dolcepensiero” colorato e saporito: il risotto, la mia passione, lo mangerei tutti i giorni… ecco una versione con un tocco di primavera e un inzio, ancora lontano, di estate grazie allo zampino della bottarga, mia scoperta dell’estate scorsa. Ebbene si perchè malgrado i miei quasi 20 anni di soggiorni al sole sardo, la bottarga l’ho assaggiata solo l’anno passato. Un risotto arricchito da un brodo di verdura passato che gli conferisce un buon profumo e aroma… diventando ben corposo!

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

320 grammi  di riso Nano Vialone Veronese IGP (ne ho parlato qui)

250 grammi di piselli sgusciati

150 grammi di pancetta

1 litro e mezzo di brodo vegetale (carota, zucchina e sedano)

1 cipolla bianca

1 bicchiere di vino bianco secco

bottarga di muggine sarda q.b.

un paio di noci di burro

scaglie di pecorino sardo semistagionatoq.b.

un pizzico di pepe nero.

PREPARAZIONE

Lessare i piselli in acqua bollente salata fino a quando saranno ben teneri (circa un quarto d’ora, ma assaggiateli comunque). Scolare i piselli senza buttare l’acqua che utilizzerete per il brodo (circa un litro e mezzo/due), mettere le verdure sopracitate ben lavate e pulite, tagliate a metà e lasciar cuocere fino a quando le verdure saranno morbide. Con l’uso del frullatore ad immersione, frullare quasi interamente le verdure, filtrare il brodo dai residui di verdura. Scaldare in una pentola capiente le noci di burro, quando saranno ben sciolte, aggiungere la cipolla tagliata finemente, subito dopo la pancetta tagliata a cubetti piccoli spolverati con un pizzico di pepe nero e far cuocere mescolando continuamente con un cucchiaio di legno. Appena sia la cipolla che la pancetta saranno ben dorati, aggiungere il riso girandolo fino a quando i chicchi iniziano a trasparire. Sfumare con il bicchiere di vino, mescolare fino a quando è ben asciugato. Iniziare poi a inumidire il riso con un paio di mestoli di brodo bollente; mescolare di continuo e, appena il brodo sarà quasi assorbito, aggiungerne dell’altro. Continuare così per tutta la sua cottura (circa venti minuti totali). Appena trascorsi i primi quindici minuti, unire i piselli e portare a termine la cottura. Mantecare con un po’ di pecorino. Impiattare il risotto nei piatti, terminare con qualche scaglia di pecorino sardo e una bella spolverata di bottarga di muggine.

Con questa ricetta partecipo al contest de:

“La cucina piccoLINA”… Riso(t)TIAmo???

Dall’archivio di Dolcipensieri:

RISOTTO AL LATTE & CURRY

PILAF PRIMAVERA

REGINETTE PORRI, PANCETTA & CARCIOFI

Ringrazio Maristella del blog “Le ricette di Maristella” per il premio

10 cosette su di me…

  1. sono una moglie e mamma strafelice
  2. adoro il mio lavoro
  3. adoro il mio hobby… cucinare
  4. sono troppo orgogliosa
  5. sono a volte un po’  permalosa… ma solo quando ci credo tanto in ciò che faccio
  6. detesto la tranquillità, amica dell’egoismo
  7. sono sempre in prima linea…
  8. adoro Como, mi trovo bene a  Lipomo il paese in cui abito
  9. sono onesta a volte troppo, cerco sempre di essere chiara
  10. sono solare, adoro ridere nella vita

e lo passo a:

CHIARA del blog “La voglia matta

FEDERICA del blog “La cucina di Federica

ELENA del blog” Nella cucina di Ely

ORNELLA del blog “Gialla tra i fornelli

Verdecardamomo

e a tutti coloro che passano da qui!

Read Full Post »

pilaf-primavera

INGREDIENTI PER QUATTRO PERSONE

350 grammi di riso pilaf

1 porro

1 carota media

200 grammi di piselli fini

qualche foglia di verza

salsa di soia

peperoncino in polvere

olio extravergine d’oliva

sale.

PREPARAZIONE

pilaf-primavera1

Far bollire il riso pilaf, completamente coperto di acqua fredda, per circa 15-20 minuti. Tagliare le verdure spellando leggermente la carota e tagliarla a listarelle sottili, stessa cosa con le foglie di verza, tagliare a rondelle sottili il porro. Scaldare l’olio nel wok: aggiungere il porro, unire le carote e far rosolare per un cinque minuti; unire poi i piselli facendo cuocere per cinque minuti a fuoco vivo. Insaporire con un pò di peperoncino e cuocere il tutto per dieci minuti; infine unire la verza tagliata. Abbassare la fiamma unire il riso, aggiungere la salsa di soia allungata con un filo di acqua tiepida. Regolare poi a vostro gusto il peperoncino sia la salsa di soia, mescolare energicamente e servire ben caldo.

pilaf-primavera2

Una “DOLCEvariante”: vermicelli di soia alle verdure altre ricette ancora in CUCINA CINESE… baci baci!!!

pilaf-primavera3

Read Full Post »

vermicelli-di-soia1

INGREDIENTI

1 porro

2 carote

qualche foglia di verza

250 grammi di gamberetti

250 grammi di vermicelli di soia

125 grammi di piselli fini

germogli di soia

salsa di soia

olio extra vergine d’oliva

curry.

PREPARAZIONE

vermicelli-di-soia11

Tagliare le verdure: spellare le carote e tagliarle a listarelle sottili, stessa cosa con le foglie di verza, tagliare a rondelle sottili il porro. Scaldare l’olio nel wok: aggiungere il porro; unire le carote, far rosolare per un cinque minuti, unire poi i piselli facendo cuocere per cinque minuti a fuoco vivo. Insaporire con un pò di curry e cuocere il tutto per dieci minuti; infine unire i gamberetti, mescolare il tutto e per ultimo la verza tagliata. Abbassare la fiamma, far cuocere per un dieci minuti, se asciuga aggiungere la salsa di soia allungata con un filo di acqua tiepida. A metà di questa cottura, aggiungere i germogli di soia. Regolare poi a vostro gusto sia il curry sia la salsa di soia (che verrà aggiunta anche come condimento finale).

vermicelli-di-soia7

Ammorbidire in acqua tiepida gli spaghetti di soia fino a quando risultano morbidi. Scolarli e aggiungerli alle verdure condendoli con la salsa di soia: rigirare bene per amalgamare tutti gli ingredienti e servire in tavola.

vermicelli-di-soia2

VERSIONE PIU’ “OCCIDENTALE E/O SEMPLICE” soprattutto per chi non ama il sapore della salsa di soia:
per dare gusto a questi vermicelli, ci aiutiamo con peperoncino, pepe e aceto balsamico per dare tono al piatto…

INGREDIENTI1 cipolla bianca

2 carote

qualche foglia di verza

250 grammi di gamberetti

250 grammi di vermicelli di soia

125 grammi di piselli fini

germogli di soia

dado vegetale in polvere

peperoncino in polvere

olio extra vergine d’oliva

curry

pepe.

PREPARAZIONE

vermicelli-di-soia3

Tagliare le verdure: spellare le carote e tagliarle a listarelle sottili, stessa cosa con le foglie di verza, tagliare ala cipolla finemente. Scaldare l’olio nel wok: aggiungere la cipolla; unire le carote, far rosolare per un cinque minuti, unire poi i piselli facendo cuocere per cinque minuti a fuoco vivo. Insaporire con un pò di curry sciolto in acqua tiepida e cuocere il tutto per dieci minuti; infine unire i gamberetti, mescolare il tutto e per ultimo la verza tagliata. Abbassare la fiamma, far cuocere per un dieci minuti. A metà di questa cottura, aggiungere i germogli di soia; se asciuga aggiungere ancora curry allungato con un filo di acqua tiepida. Regolare di sale e pepe.

vermicelli-di-soia6

Ammorbidire in acqua tiepida gli spaghetti di soia fino a quando risultano morbidi. Scolarli e aggiungerli alle verdure condendoli con curry  e peperoncino in polvere; rigirare bene per amalgamare tutti gli ingredienti e servire in tavola.

vermicelli-di-soia4

Basta poco per creare un’atmosfera leggermente cinese; ho apparecchiato la tavola con stoviglie bianche, bacchette, servizio da te’ cinese regalatomi dalla mia amica Cristina.

vermicelli-di-soia5

Come centrotavola candeline, sassi, rose essicate e anice stellato poste su un piatto rettangolare lungo.

vermicelli-di-soia90

Abbiamo gustato un buon te’ verde cinese, acquistato da Cristina in un suo recente viaggio nella bellissima Cina insieme ad un altro buone te’ rosso. Il servizio da te’ in queste foto e la brocca di vetro con il colino per gustare le foglie di te’ verde, sono di Cristina acquistati in Cina.

vermicelli-di-soia8

I vermicelli di soia e le bacchette cinesi utilizzate per questo piatto, sono stati acquistati presso: “KATHAY”. Per notizie in merito a questo supermarket di prodotti cinesi e non solo vai a: http://www.dolci-pensieri.it/Milano%20marzo%2009.htm

Read Full Post »

La temperatura è molto fredda, ho pensato a deliziare il nostro pasto con una zuppa che oltre a riscaldarci, è anche molto buona

LA ZUPPA CASERECCIA

*Gli ingredienti li ho messi nella descrizione della ricetta perchè, quando preparo minestroni o zuppe, di solito utilizzo pesi non specifici a seconda delle verdure che trovo e utilizzo, se mi avanzano le congelo per poterle gustare quando sono di fretta e non ho tempo per cucinare…

zuppa-casereccia

Mettere in una pentola capiente due patate grosse fatte a dadi grossi come una noce, 300 grammi circa di fagiolini, 300 grammi circa di zucchine tagliate a fette grossolane – lasciando da parte la più piccola di diametro per il finale- 4 carote – lasciando da parte la più piccola – 1 cipolla bionda tagliata a fette – lasciando da parte qualche fetta tra le più sottili – qualche gambo di sedano, una scatola di fagioli cannellini e piselli risciacquati dal loro sugo di contenimento, foglie di basilico e prezzemolo tritati, qualche foglia di verza e 300 grammi tra spinaci, coste e erbette. Prendere un quarto di zucca, spelarla e tagliare la polpa in pezzi. Versare acqua tiepida in quantità sufficiente unendo un dado vegetale. Dopo alcune ore di lenta cottura, assaggiare il brodo regolando di sale e pepe, se vi piace anche un pò di peperoncino; con una schiumarola, versare la verdura nel robot da cucina o meglio ancora nel passaverdure e ridurre la verdura in passato che rimettere nel brodo lasciato sul fuoco lento. Far cuocere fino al suo bollore, dopodiche passare la vostra zuppa in una pentola meno capiente (circa due mestoli pieni a persona), la rimanente metterla in un contenitore ermetico per riutilizzarla l’indomani oppure metterla nel congelatore per i prossimi pasti. Unire della pasta piccolissima o del riso (circa 40 grammi a persona). Con la zucchina lasciata da parte, ricavare delle fette sottilissime quasi trasparenti che buttere a crudo nella vostra zuppa mentre con la carota ricavare dadini piccolissimi da aggiungere anch’essi alla zuppa, aggiungere anche la cipolla lasciata da parte. Far cuocere a fuoco lento per circa dieci minuti: se la pasta ha bisogno di meno cottura, aggiungere prima le verdure, mentre nel caso del riso calarlo insieme alle verdure. Servire caldo con grana grattugiato a listarelle con crostini di mais o crostini di pan ed un filo d’olio extravergine a crudo.

zuppa-casereccia-1

Read Full Post »

PASTICCI DI PASTA CHE DIVENTANO PIATTI UNICI: sono le paste al forno!! io le chiamo pasticci appunto, perchè sono talmente comode da fare anche all’ultimo momento con ciò che ti “frulla” il frigorifero.

“Dolcipensieri per una buona riuscita”: con la pasta, per evitare che scuocia ed avere una cottura perfetta poi in forno, scolatela molto al dente e raffredatela per bloccare la cottura.

Questi conchiglioni sono prodotti con semola di altissima qualità, ottenuta dalla selezione dei migliori grani. La lavorazione tradizionale, con trafile al bronzo e lenta essicazione a bassa temperatura, rende il prodotto eccellente.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

400 grammi di conchiglioni

200 grammi di prosciutto cotto a dadini

200 grammi di piselli fini

una noce di burro

olio extravergine d’oliva

sale e pepe

1 spicchio di aglio

grana grattugiato

PER LA BESCIAMELLE AL CAPRINO

*(facendola spesse volte, per non usare la panna che è più grassa, con le dosi vado a “naso”; perdonatemi):

latte

2 cucchiai colmi di farina bianca

1 noce di burro

1 caprino piccolo

noce moscata

sale e pepe

PREPARAZIONE

mettere l’acqua a bollire per la pasta mentre fate soffriggere con l’olio e uno spicchio di aglio, il prosciutto e dopo qualche minuto i piselli. Fate rosolare per bene.

...fate soffriggere il prosciutto e i piselli...

...fate soffriggere il prosciutto e i piselli...

 

Preparare la besciamelle: metti in un pentolino il latte con un pizzico di sale, la noce di burro e la farina. Amalgama accuratamente tutti questi ingredienti con una frusta avendo cura di sciogliere tutti i grumi della farina. Quando tutto sarà ben amalgamato, metti il pentolino sul fuoco e continua a girare con il cucchiaio senza mai fermarti sino a quanto il composto che otterrai comincerà a sobbollire. A questo punto aggiungi un pizzico di pepe macinato al momento ed un pizzico di noce moscata. Aggiungi il caprino facendolo sciogliere per bene, rimescola ancora per 1 minuto, assaggiatela aggiustandola di sale e pepe.

La besciamelle...

La besciamelle è così pronta.

Scolare la pasta: in una pirofila stendere uno strato di besciamelle, aggiungervi la pasta, il soffritto di piselli e prosciutto e la rimanente besciamelle; spolverare con il grana grattugiato, mettere in forno per 10 minuti a 180 gradi e passare poi al grill per altri 10 minuti fino ad ottenere una crosticina croccante sopra la pasta. Servire ben caldi e buon appettito.

Accompagnato con un vino bianco servito fresco: PINOT GRIGIO VENETO VIGNE DEL COLLE.

Read Full Post »

Ingredienti per 4 persone

400 grammi di spezzatino

1 carota

1 gambo di sedano

1 cipolla

olio extravergine d’oliva

vino bianco secco

1 scatola di pomodori pelati

4 patate grosse

prezzemolo

sale e pepe.

Preparazione

Far soffriggere le verdure a pezzetti nell’olio extravergine d’oliva, aggiungere i bocconcini di carme e farli rosolare a fuoco vivace. Irrorare con vino bianco secco, far cuocere fino a quando la carne si presenta tutta scottata: aggiungere i pomodori pelati, allungare con acqua tiepida. Far cuocere per 5-10 minuti, il tempo utile per affettare a cubetti non troppo piccoli le patate che metterete subito nella pentola con la carne. Aggiustate di sale e pepe, aggiungete acqua tiepida se troppo denso il sugo. Triturate il prezzemolo finemente, aggiungetelo allo spezzatino e fate cuocere a fuoco basso e con il coperchio per un ora e mezzo.

Dieci minuti prima di servire il vostro spezzattino, togliete la carne e le patate che mettere in un piatto e con l’aiuto del frullatore ad immersione, passate i pomodori pelati e la verdura per ottenere un sugo omogeneo. Aggiustate di sale e pepe, rimetteteci la carne e fate cuocere per gli ultimi dieci minuti.

Un “dolcepensiero” alternativo: se volete gustare uno spezzatino più corposo per farlo diventare piatto unico, aggiungete mezz’ora prima della fine della cottura, i piselli (naturalmente dopo aver passato il frullatore ad immersione per ottenere il sugo). Buon appetito !!!

Read Full Post »

« Newer Posts

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: